Le Cinque Terre sono unite tra di loro grazie al Sentiero Azzurro che è identificato con il numero 2 nell'elenco dei sentieri gestiti dal CAI (Club Alpino Italiano) e unisce i cinque borghi in quattro segmenti: il primo è conosciuto in tutto il mondo come La Via dell’Amore, che unisce Riomaggiore a Manarola; poi il Sentiero Azzurro prosegue e collega Manarola e Corniglia; Corniglia e Vernazza; Vernazza e Monterosso. Il Sentiero Azzurro è un itinerario escursionistico che si snoda interamente all'interno del Parco Nazionale delle Cinque Terre ed originariamente era usato dagli abitanti delle Cinque Terre per spostarsi a piedi trai borghi, complessivamente è lungo circa 12 km. Questo sentiero, correndo a poca distanza dal mare e collegando tutti e cinque i borghi, costituisce l'itinerario più frequentato da turisti e camminatori. Esso costituisce infatti una più comoda alternativa rispetto all'Alta Via delle Cinque Terre che è l'antico sentiero di crinale, segnalato col numero 1 nella lista dei sentieri del CAI, che congiunge Portovenere a Levanto e percorre il territorio delle Cinque Terre a un'altezza di oltre 700 metri.

La Via dell'Amore

Questo sentiero non è di nessuna difficoltà e consiste in una lunghezza di circa 1 km percorribili in 30' circa.

La via dell'Amore collega il borgo di Riomaggiore a quello di Manarola. Questa strada nasce in occasione della realizzazione dell'ampliamentodella galleria ferroviaria della linea la Spezia-Genova avvenuto a partire dal 1920 che collega la stazione di Riomaggiore a quella di Manarola. Venne così costruita una strada in cui riporre il materiale esplosivo necessario per la realizzazione dei lavori e per unire gli opposti cantieri. Solo qualche tempo dopo, terminati i lavori ferroviari e rimossi i materiali edili, tra gli abitanti delle due località cominciò a diffondersi l'idea di utilizzare quel piccolo sentiero scavato nella roccia per congiungere Riomaggiore e Manarola. Fino ad allora, infatti, l'unica forma di collegamento tra i due borghi era stato il lungo e faticoso sentiero che attraversava la valle del Rio Finale e svalicava la Costa di Corniolo, al punto che i contatti tra le due comunità erano quasi inesistenti e questo è testimoniato dal fatto che nei due borghi si parlano due dialetti diversi della lingua ligure. Così negli anni Trenta l'amministrazione comunale diede di dare il via ai lavori e, grazie all'opera dei volontari e alla genorisità dei cittadini che consentirono il passaggio nella loro proprietà, nacque il sentiero che acquisì il nome di Via dell'Amore solo successivamente quando una persona anonima, vedendo che il sentiero era spesso frequentato da giovani innamorati, decise di tracciare con la calce ai due capi della stradina la scritta Via dell'Amore. Il nome della strada fu poi scelto ufficialmente dall'amministrazione comunale di Riomaggiore, la quale promosse poi negli anni Settanta l'installazione di una serie di panchine dedicate a eroi e divinità della mitologia greca e romana aventi a che fare con l'amore, nonché a poeti che l'amore hanno cantato. Sul percorso, nei pressi di Manarola, si trova il Bar dell’Amore che offre un punto di ristoro molto suggestivo, con una balconata a picco sul mare.

Sentiero che collega Manarola e Corniglia

Questo sentiero è di difficoltà lieve e consiste in una lunghezza di circa 2 km percorribili in 1h circa.

Partendo dalla stazione di Manarola si percorre il tunnel che porta al paese e poi si svolta a sinistra verso la Marina, dove si può scegliere se salire per l'antico selciato che passa accanto al cimitero, oppure percorrere la passeggiata a mare denominata Birolli di Punta Bonfiglio fino ad arrivare allo scalo di Palaedo, e da qui risalire per il nuovo "Sentiero delle Trasparenze Marine", sino ad incrociare l'originario sentiero n. 2 in località Laghi. Da qui la via pedonale assume un andamento dolce per tutta la lunghezza della sottostante spiaggia chiamata Spiaggione di Corniglia. Superato il sottopasso ferroviario il sentiero risale per arrivare in Stazione dove si può trovare un punto di ristoro fino ad arrivare ai piedi della scalinata Lardarina che porta al paese di Corniglia.

Il Sentiero che collega Corniglia e Vernazza

Questo sentiero è considerato di difficoltà lieve e consiste in una lunghezza di circa 4 km percorribili in 1h 30' circa.

Partendo da Corniglia si attraversa la strada carrozzabile e si imbocca il Ponte del Canale che permette di attraversare il Rio della Groppa. Si passa accanto agli uliveti da dove parte il sentiero /b che sale a Case Fornacchi e si raggiunge un punto panoramico molto suggestivo a strapiombo sulla spiaggia di Guvano. Si attraversa la conca della spiaggia di Guvano, incontrando una piccola sorgente sotto la strada, e si trova un'area attrezzata. Da qui inizia una strada in salita che si inerpica sino alla quota più alta del Sentiero Azzurro dotato di un punto di ristoro. Da qui ha poi inizio la discesa verso Vernazza, tra gli oliveti prima e i vigneti poi.

Il Sentiero che collega Vernazza e Monterosso

Questo sentiero è considerato di difficoltà media e consiste in una lunghezza di circa 3 km percorribili in 2h circa.

Dalla piazzetta di Vernazza si sale, passando sotto un arco, andando verso la strada panoramica di Costa Messorano passando tra vigneti e ulivi e si prosegue per la valle di Cravarla. Dopo si percorre la Costa Linaro e la piccola valle del Fosso Mulinaro sino ad arrivare alla conca dell'Acquapendente dove, alcune famiglie residenti, continuano a coltivare ulivi, viti, limoni e ortaggi. Si attraversa così un ponticello sotto il quale scorre un ruscello che poco dopo va a tuffarsi in mare da un'alta parete rocciosa. Dopo Acquapendente si scende per una ripida scalinata tra vigneti ed orti di limoni protetti da alte mura, e si procede verso Punta Corone e quindi si scende a Monterosso dove si possono percorrere due diramazioni: a destra verso il paese uscendo in piazza Garibaldi; a sinistra andando verso la scogliera Corone e arrivando fine al limite della spiaggia. Da piazza Garibaldi il percorso torna unico sino al capolinea di Fegina che si trova davanti alla Stazione.